^Back To Top

Newsletter

LOGIN
Sign In or Register
Avatar
Not Registered Yet?

Join Now! It's FREE. Get full access and benefit from this site

Accedi

Reset My password - Remind Me My username

Username
Password
Remember me

Vita Monastica - quaderno 252

Vita Monastica LXVI (2012) - 252

I Salmi
“cuore” dell’alleanza

Contenuti

I Salmi, “cuore” umano dell’amore divino
ARMIDO RIZZI, Teologia del cuore
FRANCESCO PIERI, Dalla parola annunciata alla parola celebrata.
Una introduzione alla Chiesa dei Padri
PAOLO RICCA, I Salmi nella vita cristiana
DANIELA LEONI CATTANI, Pregare i Salmi oggi

 

I Salmi, il “cuore” umano dell’amore divino

Nel riquadro della pagina seguente è riconoscibile un filo conduttore di come è stato redatto il presente quaderno della rivista. Non “il”, ma “uno” dei due-tre fili possibili, per riflettere sui quattro contributi.

Il riquadro si apre con la citazione di Lc 24,44: «Bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». FRANCESCO PIERI (Dalla parola annunciata alla parola celebrata) cita quel versetto, che fa parte dell’apparizione del Risorto ai discepoli di Emmaus, «stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?» (Lc 24,25-26). Un passo davvero cruciale, poiché il Risorto interpreta le Scritture (ermeneuo in greco) per rianimare i due discepoli lungo la via. Una sorta di ermeneutica orante: il Risorto “scalda” il cuore dei discepoli affinché ne invochino la comunione con Lui nella fractio panis. Di qui (e, certo, con altre fonti!) la scelta della Chiesa delle origini: una volta riconosciuto nei salmi di lode/ringraziamento e di supplica il “cuore” delle Scritture, l’Eucaristia assume la forma di preghiera adatta a rendere presente l’agàpe di Dio nella cena fraterna.

La liturgia eucaristica, dunque, in quanto “testamento” dell’amore di Dio-in cerca-dell’uomo, racchiude l’integrale patrimonio ricevuto dalle Scritture ebraiche. Si intuisce allora qual è l’obiettivo di ARMIDO RIZZI nell’articolo Teologia del cuore: individuare proprio nel “cuore” rivelato dalla Bibbia l’incontro tra la volontà salvifica dell’amore divino e l’obbediente risposta umana. Se l’amore di Dio non è un’antropomorfica bonomia né il cuore un vago sentimento, la relazione di Alleanza (comunione) nel “cuore” è, per così dire, lo spazio del reciproco “ascolto” divino-umano. Nel Salterio ciò è messo in luce dai contributi di PAOLO RICCA, I Salmi nella vita cristiana, e di DANIELA LEONI CATTANI, Pregare i Salmi oggi: la rivelazione dell’amore di un Dio che chiama ad aver fede in Lui si rispecchia nella infinita gamma delle parole di un Dio che chiama e risponde, da un lato, e di una umanità che loda e si lamenta, ringrazia e chiede perdono, dall’altro. Per ultimo, nella luce dell’orizzonte neotestamentario, il “segno di croce” sancisce in gesti e parole ecclesiali l’oggettiva dimensione trinitaria di ogni preghiera salmodica (Gloria Patri…) ed eucaristica (Per Cristo, con Cristo e in Cristo a te Dio Padre onnipotente nell’unità dello Spirito Santo ogni onore e gloria…).

«Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi» (Lc 24,44).

«I Salmi in qualche modo raccolgono tutte le dimensioni del “cuore” biblico: c’è il momento centrale della dimensione della legge, del precetto, del comandamento; ma non è il solo, perché al tempo stesso c’è la dimensione della sapienza e, unita alla sapienza, la gioia del conoscere la volontà di Dio; e infine la dimensione della crisi che investe anche il giusto».
(A. RIZZI, Teologia del cuore, qui sotto, p. 16)

«Il libro dei Salmi possiede anche una sua propria grazia meritevole di particolare attenzione. Oltre a tutto quello in cui vi è comunione e relazione con gli altri libri, ha anche questo di meraviglioso: riporta impressi e scritti in esso i moti di ciascuna anima e il modo con il quale essa cambia e si corregge, affinché chi è inesperto, se vuole, possa trovare e vedere quasi una immagine di tutto questo nel Salterio e plasmare se stesso come là è scritto (…) Si scelgano i Salmi adatti per ogni situazione e li si dica come scritti per sé e ci si rivolga al Signore conformando i propri sentimenti a ciò che sta scritto».

(ATANASIO DI ALESSANDRIA, Lettera a Marcellino, § 10, § 30)

 

«La comunità nostra si è caratterizzata sin dal principio perché ha fatto da sempre una scelta precisa tra le varie forme di preghiera possibili, optando, come spesso abbiamo ripetuto, per una preghiera oggettiva, cioè agganciata all’oggettività teologale, alla totalità della Parola rivelata e rivelante su Dio, uno ma anche trino, Padre, Figlio, Spirito Santo, sull’uomo e sulla relazione tra questo Dio e l’uomo in Cristo, nonché su quelle azioni, pure rivelate da Dio, come aventi una suprema efficacia oggettiva di santificazione, cioè i sacramenti. Questa preghiera è la preghiera ereditata da Israele, la preghiera della Chiesa primeva, delle più antiche anafore, della maggior parte dei primi quattro secoli…».

 

(G. DOSSETTI, Il discepolato (1993), in ID., La parola e il silenzio. Discorsi e scritti 1986-1995, a cura della Piccola Famiglia dell’Annunziata, introd. di Sr Agnese Magistretti, Paoline, Milano 2005, p. 344).

Prossimi appuntamenti

Ven Dic 01, 2017
Ritiro di Avvento per Giovani
Mer Dic 06, 2017
Colloquio Ebraico Cristiano: LA PREGHIERA
Ven Dic 22, 2017
Natale 2017
Gio Dic 28, 2017
Convegno Giovanile & Ospitalità libera
Lun Gen 01, 2018
Epifania 2018
© 2015 Comunità Monastica di Camaldoli | Località Camaldoli, 14 - 52014 Camaldoli (AR)  | +39 0575 556013
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto l'utilizzo di Cookies da questo sito