Di questo l’uomo contemporaneo è affamato: di esperienze capaci di porre domande nuove su quello che siamo e facciamo; di nuove prospettive e nuove vie, che ci portano oltre noi stessi. E’ infatti sempre l’esperienza – cioè quell’ex-per-ire che è un attraversamento, una esplorazione  una tessitura di segni e di nessi, di elaborazione di emozioni e di attribuzione di senso – il modo per trasformare criticità in occasioni di cambiamento.

(Chiara Giaccardi-Mauro Magatti, La scommessa cattolica, Il Mulino)

In questo tempo di pandemia a causa del Covid-19, la Chiesa si è trovata a vivere un passaggio di grave difficoltà e insieme l’apertura di inattese possibilità, sia sul piano culturale (col mondo della scienza e con la cultura in generale), su quello linguistico (come comunicare la fede), sia sul piano della prassi liturgica da seguire (tutta la problematica delle chiese chiuse, delle messe in televisione, dei funerali non celebrati etc). Questo tempo ha fatto emergere con più evidenza tutte le problematiche pastorali, teologali e spirituali con cui la Chiesa si confronta da decenni. Quale Chiesa verrà da questa congiuntura sfidante?
Davanti a noi sta una sfida epocale. Come ha recentemente affermato papa Francesco, « Il vero dramma di questa crisi sarebbe “sprecarla”». La proposta di papa Francesco non è quella di difendere in modo nostalgico o malinconico la Chiesa “di ieri”, ma consiste nello stare desti, vigilanti con la Chiesa “in uscita”, e cominciare a sognare la chiesa nuova “di domani”. Come ha scritto De Certau: «il cristiano è proiettato in una regione di rischi e di nuovi inizi». Il convegno di propone di offrire spunti di lettura e di riflessione su questo momento così impegnativo e decisivo per la vita ecclesiale. La riflessione continuerà con una seconda proposta, con un taglio maggiormente pastorale, dal 24 al 27 agosto.

PROGRAMMA

Martedì 23 giugno 2020
15.30 Introduzione
Alessandro Barban, Priore di Camaldoli

La Chiesa italiana alla prova della pandemia
Questioni e sfide del presente…
Scelte per il futuro
Franco Garelli, Sociologo – Torino
16.15 Pausa
16.45 II° parte della relazione
17.30 Dialogo tra i partecipanti
18.45 Vespri
19.30 Cena
21.00 Il deserto, le vacche di Faraone e un sogno.
Sguardi sulla chiesa a partire dalla pandemia
Matteo Ferrari, Monaco di Camaldoli

Mercoledì 24 giugno 2020
7.30 Lodi
8.15 Colazione
9.30 Dal trauma all’epoca nuova. Le priorità per la società e per la Chiesa
Roberto Mancini, Filosofo – Macerata
10.30 Pausa
11.00 II° parte della relazione
11.45 Dialogo tra i partecipanti
13.00 Pranzo
15.30 Verso nuove dinamiche pastorali della chiesa
Paolo Carrara, Teologo – Bergamo
16.15 Pausa
16.45 II° parte della relazione
17.30 Dibattito tra i partecipanti
18.30 Vepri ed Eucarestia
19.30 Cena

Giovedì 25 giugno 2020
7.30 Lodi
8.15 Colazione
9.30 Interpretazioni del presente ecclesiale nell’epoca del cambiamento
Cettina Militello, Teologa – Roma
10.30 Pausa
11.00 II° parte della relazione
11.45 Dibattito tra i partecipanti
13.00 Pranzo
15.30 Interpretazioni del presente ecclesiale alla luce dei sogni di Papa Francesco in Querida Amazzonia (2 febbraio 2020)
Mons. Domenico Pompili, Vescovo di Rieti
16.15 Pausa
16.45 II° parte della relazione
17.30 Dibattito tra i partecipanti
18.45 Vespri
19.30 Cena

Venerdì 26 giugno 2020
7.30 Lodi
8.15 Colazione
9.30 Le difficoltà della Chiesa nel tempo della pandemia
Roberto Tagliaferri, Teologo – Padova
10.30 Pausa
11.00 II° parte della relazione
11.45 Dibattito tra i partecipanti
13.00 Pranzo -Partenze

Per prenotazioni e informazioni
Foresteria di Camaldoli – Segreteria
0575 556013
foresteria@camaldoli.it

torna indietro